Aggiornamento: esposta, modificata come Fotostampante 3D, alla Maker Faire 2015  

www.makerfairerome.eu/it/

                                                                                                                                 Home

                                                                ...  Pagina2  Pagina3  Pagina4  Pagina5  Pagina6  Pagina7  Pagina8  Pagina9  Pagina10 Pagina11

 

Le stampanti che siamo abituati a vedere e usare tutti i giorni producono immagini su carta e quindi in 2 dimensioni, la stampante 3D invece è una macchina che permette di stampare oggetti solidi  appunto tridimensionali, il materiale utilizzato è principalmente plastica che può essere di vari tipi PLA, ABS ecc. ma c'è chi sta sperimentando la stampa anche con altri tipi di materiale come ad esempio l'argilla,gesso,gomma ecc.. Il funzionamento, grosso modo, consiste nel far fondere un filo di plastica da una testina riscaldata che si muoverà nelle 3 dimensioni dello spazio depositando strato dopo strato la plastica fusa fino a costruire l'oggetto che è stato precedentemente disegnato al PC con programmi CAD o simili. Io ho voluto progettarne e costruirne una un po' diversa da quelle che si trovano in commercio per i motivi seguenti:

1: La mia stampante avrà un volume di stampa di 30x30x30cm mentre quelle più comuni ne hanno   20x20x20cm, quelle più grandi costano un sacco di più, per darvi un idea quelle 20x20x20 costano dalle 600 alle 800 euro per quelle più grandi si comincia a parlare di 1000, 2000 euro e oltre a mano a mano che aumentano le dimensioni.

2: Costruirò una stampante con la testina sostituibile con una mini fresa in modo tale che avrò una sola macchina che mi farà da stampante 3D e da macchina CNC (le cosiddette macchine a controllo numerico), la differenza tra l'una e l'altra è che la prima crea gli oggetti aggiungendo materiale, la seconda li crea asportando materiale da un blocco preesistente

3: Alla fine conto di spendere per tutti i pezzi, in parte comprati e in parte realizzati da me, tra i 300 e i 350 euro, un risparmio considerevole. Ma a parte i soldi il divertimento e la soddisfazione che ne ricaverò realizzandola, saranno impagabili.

4: La mia stampante sarà richiudibile, in pratica la piattaforma di base sede dell'asse Y sarà smontabile in modo tale da ingombrare il meno possibile quando non verrà utilizzata, quasi tutte le stampanti che si trovano in giro hanno una struttura fissa che ruba parecchio spazio, la mia avrà le dimensioni di una valigetta.

Ok passiamo all'azione, di seguito vedrete quello che ho fatto fino ad ora, a mano a mano aggiungerò le pagine con i nuovi pezzi che andrò a realizzare.

 

 

 

Ho cominciato dal cuore della stampante, l'estrusore, in particolare dalla testina che riscaldandosi fonderà la plastica e la espellerà, la cosiddetta "hot end"

ho comprato un'asta di alluminio 15x15x100mm in un ferramenta ben fornito

 

ho praticato un foro verticale da 8mm dove andrà la canna col filo da fondere e un foro orizzontale da 6mm che alloggerà la resistenza elettrica che produrrà calore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ho tagliato e ho fatto poi quel piccolo forellino a destra che ho filettato per alloggiare una vite la quale terrà ferma la canna

 

 

 

 

 

Per estrudere la plastica serve un ugello da 0,4mm, lo si potrebbe costruire armeggiando con punte altrettanto piccole e con minitrapano adatto a utilizzare tali punte, l'altra opzione è comprarlo gia bell'e fatto. Mi è venuto in mente che esistono i normali ugelli del gas, che vedete in foto, che hanno proprio un foro da 0,4mm...

 

 

 

 

 

 

 

.per giunta è anche fatto di ottone, quindi facilmente lavorabile, l'ho messo nella testa del trapano e l'ho reso conico poi ho avvitato la parte filettata in un tubo di alluminio da 8mm comprato dal ferramenta...

 

 

 

 

 

 

 

...l'ho tagliato e all'altra estremità ho inserito un altro pezzetto di tubo di alluminio da 10mm che avevo gia ma che si trova anch'esso facilmente dal ferramenta...

 

 

 

 

 

 

 

 

..questo è bloccato da una mini vite che ho ricavato da un vecchio paio di occhiali rotti, il tutto servirà da fermo per bloccare tutta la canna al telaio dell'estrusore come si vedrà più avanti...

 

 

 

 

 

 

 

 

....ecco a confronto, in primo piano l'ugello nuovo e in secondo piano l'ugello modificato e avvitato sulla canna...

 

 

 

 

...l'interno della canna è da 6mm, il filo di PLA o ABS (sono i tipi di plastica da fondere) è di 3mm quindi ho preso un pezzo di teflon che avevo da parte e usando il trapano a colonna come tornio l'ho modellato fino ad ottenere il tubicino che vedete, tutto ciò prima di comprare, su un sito specializzato, il tubo di teflon gia  bello e fatto, mi sono voluto complicare la vita nell'attesa che arrivasse...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ecco finalmente il tutto assemblato...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

..et voilà, la hot end al completo..

   

    Home

      ....  Pagina2  Pagina3  Pagina4  Pagina5  Pagina6  Pagina7  Pagina8  Pagina9  Pagina10  Pagina11